Business

In allegato trovate i GRAFICI AGGIORNATI riguardo l’andamento dei principali INDICI AZIONARI, OBBLIGAZIONARI, FX e variabili MACRO.

La fase “toro” vissuta sui mercati azionari in questo 2017 è sotto gli occhi di tutti. Le tensioni geopolitiche, in primis quella sul fronte asiatico, sono state messe in secondo piano grazie ai dati sempre più confortanti sull’effettiva ripresa dell’economia mondiale senza che questa abbia creato (stia creando) una vera e propria pressione inflazionistica. Le politiche monetarie hanno potuto rimanere quindi ancora molto accomodanti spingendo gli investitori a prendere maggiore rischio favorendo così i mercati azionari e quello obbligazionario ad alto reddito. Dopo un’estate per lo più anemica, infatti, da settembre le principali piazze finanziarie hanno ripreso a correre spingendo la volatilità ai minimi storici.

In allegato trovate i GRAFICI AGGIORNATI riguardo l’andamento dei principali INDICI AZIONARI, OBBLIGAZIONARI, FX e variabili MACRO.

I mercati degli attivi rischiosi (azioni e obbligazioni a alto rendimento) restano sempre compiacenti: i buoni fondamentali accompagnati da un’inflazione anemica (inferiore al consensus degli analisti) spingono i mercati azionari e obbligazioni di bassa qualità verso nuovi massimi.

In allegato trovate i GRAFICI AGGIORNATI riguardo l’andamento dei principali INDICI AZIONARI, OBBLIGAZIONARI, FX e variabili MACRO.

L’attività economica mondiale è in continuo miglioramento senza tuttavia creare timori riguardo possibili fiammate inflazionistiche. Questo quadro resta favorevole agli attivi rischiosi quali azioni e obbligazioni a alto rendimento che segnano entrambi nuovi massimi.